m. Conference

Via Appia Antica,
224, 00179 Roma, Italy
+1 312 749 8649

 

Due anni fa ho chiesto a Maxino di insegnarmi a scrivere una canzone. Lui, molto gentilmente, invece di scappare urlando, mi ha aiutato. Inizialmente dovevano essere tre o quattro brani, ma poi ci ho preso gusto e sono diventati otto. All’inizio avevo solo alcuni testi abbozzati e un pacco di brani strumentali e volevo metterli insieme. Così è nato Atlas of the lost islands, il mio primo album di canzoni.
Ma l’aria è fresca e chiara è la seconda canzone realizzata, partendo da un pezzo composto nel 2009 e da un testo scritto addirittura nel 1986. L’idea mi era venuta dopo che in Italia era arrivata la notizia dell’incidente alla centrale nucleare di Chernobyl. Tra la fine di aprile e i primi di maggio le giornate erano state straordinariamente calde e soleggiate e noi si andava a passeggiare tra i boschi e i campi del Carso, ignari dell’invisibile nube radioattiva che stava calando silenziosamente su tutto. Così buttai giù questa composizione che giocava sul contrasto tra natura bucolica e veleno nucleare. Trent’anni dopo ecco un’allegra canzone dal piglio estivo ma dai contenuti poco rassicuranti – confezionata avendo in mente Vamos a la playa dei Righeira – e interpretata col giusto distacco ironico da Maxino.
Con Maxino, e la complicità della famiglia Tanze, abbiamo poi realizzato questo video, girato la scorsa estate tra la Slovenija e Muggia.
Buona visione!

 

 

Ma l’aria è fresca e chiara
(Testo e musica di Paolo Pascutto)

Che c’è di nuovo nell’aria nostra
Nel cielo blu sopra di noi
L’hanno detto quelli in radio
State in casa, forse è meglio

Che c’è di nuovo dentro la pioggia
In nubi blu sopra di noi
L’hanno detto i tizi in video
State attenti, forse è meglio

Ma l’aria è fresca e chiara
Del ciel ti puoi fidare
Per questo stiamo andando
Tutti quanti al mare

Ma l’aria è fresca e chiara
Ti puoi fidar del sole
Per questo andiamo in spiaggia
gustandoci il tepore

Che c’è di nuovo nell’erba fresca
in questa terra carsica
L’hanno scritto sul giornale
Non la vedi ma è già qua

Non ha un odore, non ha colore
cos’è ‘sta bella novità
che ti ammali di tumore
è la radioattività

Ma l’aria è fresca e chiara
Del ciel ti puoi fidare
Per questo stiamo andando
Tutti quanti al mare

Ma il sole splende in alto
nel cielo blu di maggio
Per questo stiamo andando
Adesso tutti in viaggio

 

 

Condividi