m. Conference

Via Appia Antica,
224, 00179 Roma, Italy
+1 312 749 8649

 

Maxino-1

Prime bozze

Il progetto per la copertina di Dante, Ulisse e Darth Fener nasce da uno scambio di professionalità tra me e Maxino, iniziato con la sua partecipazione alla performance di Troppo Triestini per la mostra Era Trieste e alla sua prossima versione teatrale (attualmente in fase di preparazione). L’idea della cover nasce da una chiacchierata tra noi due, ancor prima che l’idea di questo album fosse completamente sviluppata. Perciò la prima bozza è stata realizzata parallelamente alla scrittura dei testi, anche perché c’era l’esigenza di preparare un visual per il crowdfunding con cui è stato finanziato con successo il progetto. Fin da subito ho pensato ai tre personaggi in barca nel golfo di Trieste, con un’illustrazione che rimandasse alle atmosfere kolossal del CD, ma che fosse anche piena dell’ironia e guizzi comici della scrittura di Maxino. Da qui l’idea di raffigurare i tre protagonisti del titolo intenti in specifiche azioni: Dante canta (perché la Divina Commedia è divisa in canti), Darth Fener suona una chitarra laser (una Darth Fender) e Ulisse si tura le orecchie, perché i suoi due compagni sono peggio delle sirene. Per restituire al meglio l’animo nero di Darth Fener ho pensato di fargli distruggere Monte Grisa attraverso la sua inseparabile Morte Nera, un particolare con non ha niente a che fare con la trama narrata nel CD, ma che ha ispirato la successiva presenza di un brano nella scaletta (Monte Grease).Nella versione definitiva della cover sono stati attuati alcuni aggiustamenti che andassero incontro alla storia effettivamente narrata nell’album (la presenza del Maestro Yota e la scomparsa di alcuni particolari dalla figura di Darth Fener). Inoltre è stata realizzato il retro della copertina, pieno di elementi direttamente collegati ai brani incisi.

 

Prove di lettering del titolo

 

La scelta di un ricco booklet a corredo del CD e lo stile fotorealistico delle illustrazioni servono a vestire al meglio il risultato della strabordante fantasia compositiva di Maxino, musicalmente eclettico e con testi zeppi di witz e calembour. La confezione infatti deve dar subito l’idea di quello che si ascolterà e le immagini sono il corrispettivo visivo delle sue canzoni.
Grazie all’intelligenza di Maxino, che mi ha lasciato operare con grande libertà, il risultato è uno dei miei lavori grafici più divertenti (e soddisfacenti) da quando faccio questo lavoro.

 

Condividi